Caorle: cosa vedere e cosa fare

Caorle è una cittadina unica nel suo genere. La sua storia e fondazione, dal I secolo ad oggi, sono strettamente legate alla pesca e all’attività portuale.

La cittadina ha origini romane (il suo nome deriva dal latino Caprulae, probabilmente per le capre selvatiche che pascolavano nella selva che anticamente ricopriva l’isola), confermate da vari reperti archeologici recuperati in mare e dall’altare sacrificale detto “ara Licovia”, conservato nel Duomo. La crescita della cittadina si deve sia all’ottima posizione, che la fece diventare il porto marittimo della vicina Concordia (alla quale Caorle è collegata dal fiume Lemene), sia allo spopolamento dell’entroterra durante le invasioni barbariche. La crescita della cittadina fece sì che nel VI secolo d.C. Caorle diventasse sede vescovile e uno dei 9 distretti retti da un Podestà (l’amministrazione della Serenissima prevedeva la divisione del terrtorio in distretti). Nel XIV secolo d.C. le razzie dei pirati, le invasioni dei triestini e l’incursione dei genovesi del 1379, causarono un progressivo spopolamento.

Molte sono le memorie di questo passato rimaste, le più antiche sono il Duomo del 1038 ed il Campanile. L’interno del Duomo, edificato con la caratteristica austerità e rigore dello stile romanico, sono custodite opere di notevole interesse, come “l’Ultima Cena“, attribuita al veneziano Gregorio Lazzarini, maestro del Tiepolo; la “Pala d’Oro”, donata alla città, secondo la leggenda, da Caterina Cornaro, Regina di Cipro, come ringraziamento ai pescatori locali che la salvarono durante un naufragio nel 1490, ed una piccola “Pietà” in legno dorato. L’ex cappella vescovile, ora museo parrocchiale, ospita 6 tavole raffiguranti gli apostoli risalenti al XIV secolo, attribuite ad un artista vicino a Paolo Veneziano, parte di un’antica iconostasi posta come tra il presbiterio ed il resto della navata centrale; il “Reliquiario del Prezioso Sangue”, contenente, secondo la tradizione, la terra sopra la quale passò Gesù sanguinante; il Reliquiario con il cranio di Santo Stefano Protomartire, santo patrono di Caorle, ed altre reliquie ed arredi sacri. Il Campanile, costruito contemporaneamente al Duomo, è anch’esso in stile romanico, di forma cilindrica e sormontato da una cuspide conica. Originariamente veniva usato come torre di avvistamento, grazie anche all’altezza di 48 metri. Il campanile ha un’inclinazione di 1.4° in direzione Est-Sud-Est.

Il Santuario della Madonna dell’Angelo, edificato nel XVII secolo nello stesso spazio dove anticamente sorgeva una chiesetta dedicata a san Michele Arcangelo. La tradizione narra che anticamente alcuni pescatori, mentre gettavano le loro reti, trovarono la statua della Vergine che galleggiava sul mare. La portarono a riva, vicino alla chiesa dell’Angelo, e la statua prese così il nome di “Madonna dell’Angelo”. Sempre basandosi suoi racconti popolari, quando si tentò di spostarla all’interno del tempio gli sforzi dei pescatori e del popolo accorso furono vani. Il vescovo affidò allora il compito a dei fanciulli che, con la loro innocenza, riuscirono a sollevare la statua e a trasportarla in chiesa. La volta del tempio ospita un altare barocco proveniente dal Duomo, una statua lignea della Vergine col Bambino ed una statua del 1500 dell’Arcangelo Michele, con bilancia e spada in mano, nell’atto di sconfiggere il diavolo. Ogni anno a Caorle si tiene il concorso “Scogliera viva“, con artisti provenienti da tutto il mondo che concorrono nello scolpire gli scogli del lungomare.

bambini in spiaggia

Caorle per bambini, le attrazioni più divertenti

Caorle per bambini, le attrazioni più divertenti Ogni anno, specie d’estate moltissimi turisti affollano questa cittadina veneta, denominata la piccola Venezia, per una vacanza in famiglia, il cui epicentro è senza dubbio la spiaggia e […]

casoni di caorle

Escursione nella laguna di Caorle

Caorle non è solo spiagge, chiese e una serie di attività ristorative. Lungo la costa è presente anche una splendida laguna dove i pescatori nel passato vivevano e lavoravano. La città di Caorle in passato […]

spiaggia di caorle

Festa patronale Regina della Pace

A Castelli di Brussa, dal 25 al 27 maggio si terrà la celebrazione per la “Regina della Pace”. Questa tipica tradizione di Caorle, si svolgerà in un clima festoso condito da tanta musica e proposte […]

venezia con bambini

Che cosa fare con i bambini a Caorle?

Che cosa fare con i bambini a Caorle? Caorle è conosciuta per essere una delle mete turistiche tra le più note in Italia. Scelta ogni anno da molti turisti, è ideale anche per chi vuole […]

meditazione e camminata in riva al mare

Meditazione camminata, alla scoperta di Caorle

Meditazione camminata, alla scoperta di Caorle 5 semplici trucchi per rendere più semplice la vita in spiaggia durante la propria vacanza a Caorle. Caorle è una meta turistica tra le più rinomate del Veneto, dove […]

Cosa vedere a Caorle

Cosa vedere a Caorle

Caorle, una piccola città del Veneto che si affaccia sul mare Adriatico e che si trova nelle vicinanze di Venezia. La sua storia centenaria, la vede sempre più legata al mare. Caorle è una città […]