Caorle tra tradizioni, leggende e cultura

Articolo disponibile in più lingue: clicca sulla bandierina corrispondente per leggere la versione che ti interessa.

Perla dell’Adriatico, piccola Venezia, Città Veneta della Cultura nel 2022: nel corso degli anni Caorle ha guadagnato tanti nomi e titoli grazie alla sua bellezza unica e al suo vasto patrimonio naturale e artistico.

In questo articolo, ti portiamo alla scoperta delle tradizioni e ricchezze culturali che rendono questa città un vero e proprio tesoro del Veneto.

Una tradizione che inizia ai tempi dei romani

Le origini di Caorle risalgono all’epoca romana, quando la città serviva principalmente come porto fluviale e base per la pesca. Nel corso dei secoli, il villaggio si trasformò in una fiorente comunità di pescatori grazie alla sua ottima posizione e allo spopolamento dell’entroterra dovuto alle invasioni barbariche.

La tradizione marinara di Caorle è ancora vivida oggi e si può osservare in vari aspetti della vita cittadina, come per esempio il mercato del pesce che anima ogni pomeriggio il porto di Caorle. Qui la vendita del pescato avviene attraverso un’asta molto particolare, nota come “asta ad orecchio“. Ristoratori e albergatori locali sussurrano le loro offerte al battitore dell’asta, il quale annuncia poi a voce alta il miglior offerente.

Un altro luogo particolarmente suggestivo e testimone della cultura marittima della città è l’isola dei Pescatori: un pittoresco sentiero che costeggia la Laguna costellato di costruzioni rustiche dall’aspetto quasi preistorico. Questi “casoni” di legno e canne palustri erano originariamente utilizzati dai pescatori come rifugi durante le loro lunghe sessioni di pesca.

La tradizione marinara di Caorle viene poi celebrata con la Festa del Pesce, che si svolge solitamente ogni settembre. Per una settimana, la città si trasforma in un vivace festival gastronomico. Lungo la spiaggia si allestiscono stand, bar e tavoli dove è possibile degustare il meglio dei prodotti ittici locali, in un’atmosfera di festa e convivialità.

Una città ricca di storie da raccontare

Il centro di Caorle, conosciuto come “Rio Terrà“, è un insieme di calli, campielli e viuzze coloratissime che le hanno valso il soprannome di “piccola Venezia”. Tra i tanti luoghi d’interesse vi è il Duomo di Caorle e il suo campanile, simbolo della città tanto quanto il mare. Costruita nel 1083, la cattedrale presenta un’armoniosa fusione di elementi romanici e bizantini, tipici di molti edifici ecclesiastici del Veneto di quel periodo.

Altro luogo di interesse è il Santuario della Madonna dell’Angelo, situato sulla spiaggia di Caorle e legato ad antiche credenze religiose. Secondo una leggenda risalente al VII secolo, alcuni pescatori locali trovarono in mare una statua lignea della Madonna che galleggiava nonostante poggiasse su di un piedistallo in marmo. Sorprendentemente, solo alcuni bambini riuscirono a sollevarla. Portata al Duomo di Caorle, la statua scomparve in circostanze misteriose, per essere poi ritrovata nella piccola chiesetta sulla spiaggia, ovvero l’attuale Santuario. Da allora la storia del Santuario è caratterizzata da episodi prodigiosi, come la grande inondazione del 1727 che, pur devastando Caorle, risparmiò miracolosamente la chiesetta.

Nel 1923 la statua venne poi distrutta da un incendio causato da dei ladri. In memoria di questo evento, ogni secondo fine settimana di luglio, Caorle organizza una processione durante la quale una copia della statua della Madonna viene trasportata dal Santuario fino al Duomo. Per l’occasione, il campanile della città viene illuminato da fuochi pirotecnici che simulano un incendio, offrendo uno spettacolo visivo di grande impatto emotivo e simbolico.

Una Musa ispiratrice per artisti di tutto il mondo

Nel corso della sua lunga storia, la bellezza di Caorle ha ispirato una moltitudine di artisti e creativi di tutto il mondo. Tra questi, il celebre scrittore Ernest Hemingway, che tra il 1955 e il 1957 ha frequentato assiduamente la laguna di Caorle, innamorandosi così della sua natura incontaminata.

Oltre alla sua bellezza naturale e alla sua ricca storia, Caorle è oggi teatro di vivaci manifestazioni culturali che celebrano l’arte in tutte le sue forme. Una di queste è “Scogliera Viva“, un evento unico nel suo genere che trasforma la scogliera in una galleria d’arte a cielo aperto. Ogni due anni, artisti provenienti da tutto il mondo sono invitati a scolpire direttamente sugli scogli di Caorle, arricchendo così il lungomare di opere d’arte suggestive.

Un altro evento di spicco è “Luna nel Pozzo“, un festival che combina teatro di strada, musica e performance artistiche, e che trasforma la città in un palcoscenico vivente.

Inoltre, Caorle offre una varietà di eventi culturali che arricchiscono l’offerta turistica durante tutto l’anno, come per esempio:

  • Caorle Sea Festival – Street Art Spring Experience, dove artisti internazionali creano murales colorati in vari angoli della città
  • Centro Culturale Bafile, che ospita ogni anno una serie di mostre ed esposizioni artistiche da tutto il mondo
  • Caorle Film Festival, evento annuale che celebra il cinema indipendente con proiezioni e incontri
  • Caorle Oltremare, rassegna culturale in cui scrittori e giornalisti di fama internazionale si incontrano con il pubblico in piazza Vescovado per discutere delle proprie opere e condividere le loro esperienze.
  • Caorle in Jazz, evento annuale che trasforma le vie della città in un palcoscenico all’aperto, con esibizioni di artisti jazz locali e internazionali. 
  • Caorle Street Piano Festival, manifestazione musicale unica nel suo genere. Diversi pianoforti vengono posizionati negli angoli più belli della città, pronti per essere suonati dai passanti e da musicisti professionisti.

Per gli appassionati di sport, la città ospita eventi di livello nazionale come il Campionato italiano di Beach Volley, il trofeo internazionale di Karate e la regata velica ‘la 500’.

Anche fuori dalla stagione estiva, Caorle si anima con il Caorle Christmas Time, mantenendo la città viva tutto l’anno.

Alla scoperta di Caorle dal Pra’ delle Torri

Come abbiamo visto, Caorle è una città con innumerevoli storie da raccontare, un luogo dove ogni angolo rivela secoli di storia e ogni evento porta con sé l’eco di antiche tradizioni.

Per immergersi completamente nella sua cultura e vivere appieno l’esperienza, ti consigliamo di soggiornare al Centro Vacanze Pra’ delle Torri, a soli 10 minuti dal centro di Caorle.

Qui, potrai rilassarti dopo una giornata di esplorazioni, godendoti tutte le comodità e le attività che il Centro ha da offrire.

Parti alla scoperta di Caorle